Skip to content

ESKLUSSIVA !!! ::::: Relikwiji ta’ San Pietru App. Esposti għall-Ewwel Darba fil-Pubbliku fl-24 ta’ Novembru 2013

November 17, 2013

Nhar Il-Ħadd li ġej l-24 tax-xahar ta’ Novembru, apparti li tkun Lejlet il-festa ta’ Santa Katerina ta’ Lixandra li bħal kull sena tiġi ċelebrata fil-parroċċi ġirien tagħna taż-Żurrieq u taż-Żejtun, se tkun ukoll il-festa Liturġika ta’ Kristu Re.  Dakinhar se tiġi fi tmiemha s-sena ddedikata għall-Fidi.  Sabiex tibqa’ tifkira ta’ din is-sena hekk importanti, il-Kurja Rumana tal-Vatikan mmexxija mill-Papa Franġisku ħejjew avveniment straordinarju li żgur se jisraq ix-xena u l-attenzjoni tal-ġurnata, b’avveniment li fl-istorja tal-Knisja Kattolika Rumana qatt ma ġrat qabel.  Huwa bla dubju mument li għandu jimla lilna d-devoti Birżebbuġin ta’ San Pietru b’ferħ kbir liema bħalu.

B’mod esklussiv għall-ewwel darba fl-istorja, Papa Franġisku ta l-permess biex ir-relikwiji sagri u awtentiċi (Awtentiċi bil-Provi) tal-Appostlu Missierna San Pietru Appostlu jiġu esposti għall-ewwel darba fil-pubbliku ‘l barra mis-Sepulkru tiegħu li hemm taħt it-tribuna tal-Artal.  Din hija xi ħaġa straordinarja u unika għal dawk li se jkollhom ix-xorti jmorru jimmeditaw u jitolbu quddiemhom.  Wara sekli sħaħ fis-Sepukru tiegħu, ir-relikwiji ta’ San Pietru bħal qishom se jerġgħu jieħdu r-ruħ u joħorġu għar-raġġi tad-dawl.

Konferma ta’ dan l-avveniment tah il-President tal-Kunsill Pontifiċju, il-Monsinjur Rino Fisichella meta fuq L’Osservatore Romano qal «Così vogliamo concludere l’anno della Fede, esponendo per la prima volta le reliquie attribuite al pescatore di Cafarnao martirizzato a Roma, secondo la tradizione, nel 67 d.C.»

Is-sepulkru fejn instabu dawn il-fdalijiet kienu nstabu b’mod aċċidentali meta fl-1939 kienu qed isiru xi skavi biex titkabbar il-kripta għad-dfin ta’ Papiet ġodda.  Għal xi żmien, anke minħabba t-taqlib li ġabet magħha t-Tieni Gwerra Dinjija, l-iskavi waqfu u k0mplew fil-ħamsinijiet.  Strumentali għal dawn l-iskavi kienet il-brava Arkeologa Margherita Guarducci.  Din irnexxiela tiddeċifra kliem li nstabu fil-kamra sepulkrali, fosthom talb u invokazzjonijiet kollha għal San Pietru.  Dawn l-iskrizzjonijiet kienu jmorru lura sas-sena 150 W.K.  Waħda minn dawn l-iskrizzjonijiet kienet ‘Pietru jinsab hawn’ (Petros Eni).  Din l-iskrizzjoni kienet sejba kbira u fundamentali għall-identifikazzjoni tar-relikwiji awtentiċi tal-Appostlu San Pietru.

F’affarijiet bħal dawn il-knisja dejjem żammet prudenza kbira.  Madankollu għall-iskantament tal-poplu Kattoliku nhar is-26 ta’ Ġunju tal-1968, il-Papa Pawlu VI waqt l-udjenza ġenerali tal-Erbgħa kien ħabbar li wara studji kbar u twal kien hemm evidenza biżżejjed biex dik li qabel kienet sempliċiment tradizzjoni jew leġġenda, kienet xejn ħlief il-verità.  Il-Vatikan kien tassew mibni fuq il-post fejn ġie martirizzat u midfun il-magħżul ta’ Ġesu Kristu Alla.  Il-Papa Montini ħabbar li kien hemm evidenza biżżejjed biex wieħed jgħid li nstabu l-fdalijiet awtentiċi ta’ San Pietru: «Nuove indagini pazientissime e accuratissime furono in seguito eseguite con risultato che noi, confortati dal giudizio di valenti e prudenti persone competenti, crediamo positivo: anche le reliquie di San Pietro sono state identificate in modo che possiamo ritenere convincente».

_____________________

Per la prima volta saranno esposte le reliquie attribuite all’apostolo

Davanti a Pietro
la chiusura dell’Anno della fede 

di RINO FISICHELLA

«Si parla poco di adorazione!». Questa esclamazione, improvvisata da Papa Francesco con un tono misto di tristezza e preoccupazione, potrebbe far cogliere il senso di uno dei segni finali dell’Anno della fede. A conferma si può aggiungere un altro pensiero del Papa rivolto ai seminaristi e alle novizie a conclusione delle giornate del loro pellegrinaggio. Allontanandosi anche in questo caso dal testo scritto disse: «Uno dei vostri formatori, mi diceva l’altro giorno: évangéliser on le fait à genoux, l’evangelizzazione si fa in ginocchio. Sentite bene: l’evangelizzazione si fa in ginocchio. Siate sempre uomini e donne di preghiera. Senza il rapporto costante con Dio la missione diventa mestiere» .

Parole che sono musica per le orecchie di chi, come chi scrive, è cresciuto alla scuola di von Balthasar. Il grande teologo del secolo scorso criticava il movimento di alcune scuole che erano passate da una teologia “fatta in ginocchio” a una teologia “scritta a tavolino”, e provocava al recupero della spiritualità e della santità come forma coerente della vita cristiana.

L’unione tra azione e contemplazione è uno dei punti cardini che la fede esprime e ha sempre bisogno di essere ribadita. È in forza di questo che andando verso l’epilogo dell’Anno della Fede, Papa Francesco ha scelto di recarsi il prossimo 21 novembre in un monastero di clausura per un momento di preghiera. La fede vive principalmente di adorazione. L’incontro con Cristo, infatti, richiede che la risposta del credente scaturisca dalla contemplazione del suo volto. La giornata pro orantibus si erge così a segno di come la fede aiuta nella ricerca dell’essenziale.

Dinanzi al mistero che si crede, d’altronde, la preghiera è il primo e più realistico atteggiamento che si dovrebbe assumere. La contemplazione comunque non allontana dagli impegni e dalle preoccupazioni quotidiane, al contrario. Essa permette di dare senso e di sostenere la fatica di ogni giorno. La gioia che proviene da quell’incontro non è artefatta né limitata a un momento emotivo, ma condizione per guardare in profondità e cogliere ciò che vale la pena vivere.

Solo una distratta visione teologica ha potuto creare lo strabismo tra l’amore verso Dio, tipico di chi prega, e l’amore verso il prossimo, proprio di chi agisce. Non era forse per Gesù stesso la contemplazione del Padre momento preparatorio della sua azione evangelizzatrice? Ridare vigore alla fede, quindi, equivale a verificare la reciprocità tra la contemplazione e l’azione cristiana. La prima è il presupposto per una coerente azione evangelica, mentre questa è condizione necessaria perché la contemplazione sia ge- nuina.

La vita contemplativa ha saputo coniugare i due momenti. Ora et labora permane nella Chiesa come la sintesi più felice a cui la fede conduce. Il monastero delle monache camaldolesi sull’Aventino, che Papa Francesco visiterà, presenta questa dimensione in modo peculiare. La sua apertura alla città, nel servizio della lectio divina e della mensa per i poveri, fa emergere l’obiettivo ver- so cui conduce la contemplazione: la condivisione di ciò che si possiede. Non è possibile infatti contem- plare il volto di Cristo senza riconoscerlo poi nella sua “carne” più bisognosa perché più sofferente.

Anche con questo gesto ci si prepara dunque a celebrare l’epilogo di un anno ricco di grazia. Esso è stato segnato in particolare dalla professione di fede che milioni di pellegrini hanno compiuto sulla tomba di Pietro.

In questo contesto, un ultimo segno culminante consisterà nell’esposizione per la prima volta delle reliquie che la tradizione riconosce come quelle dell’apostolo che qui ha dato la sua vita per il Signore. La fede di Pietro, pertanto, confermerà ancora una volta che la porta per l’incontro con Cristo è sempre aperta e attende di essere varcata con lo stesso entusiasmo e convinzione dei primi credenti. Un cammino che i cristiani di oggi sanno di dover perseguire senza stanchezza, perché forti e rassicurati dalla contemplazione del volto di Cristo.

_____________________

Biex tara tour virtwali tal-kripta ta’ San Pietru Appostlu Patrun ta’ Birżebbuġa u missier ulied dan ir-raħal tagħna agħfsu hawnhekk.

No comments yet

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Għaqda Armar San Pietru, Birżebbuġa

Għaqda Armar San Pietru, Birżebbuġa

Għaqda Piroteknika 22 ta' Frar, Birżebbuġa, Malta

22 February Pirotechnic Society, Birżebbuġa, Malta

San Gorg Megalomartri, Birzebbuga .::+::. Blog

Just another WordPress.com weblog

Mater Dolorosa ::: L-ewwel Titular ta' Birżebbuġa

Il-Ġimgħa Mqaddsa f'Birżebbuġa

iljuni

PARTITARJI LJUNI - Soċjeta Filarmonika San Pietru, Banda Birżebbuġa A.D. 1990

Birzebbuga Symphonic Band A.D. 1990, Malta.

Birzebbuga Symphonic Band A.D. 1990, Malta.

%d bloggers like this: